STORIA DELLA VITA SULLA TERRA

Immaginate di concentrare gli ultimi 4 miliardi di anni di storia del nostro pianeta nell'arco di tempo di un anno scolastico. Il primo giorno di scuola coincide con la formazione della crosta terrestre, 4 miliardi di anni fa, mentre il suono della campanella alla fine dell'ultimo giorno di scuola coincide con il presente. In questo modo non solo sarà più facile capire la sequenza delle principali tappe dell'evoluzione, ma potremo avere un'idea più precisa (e forse anche sorprendente) delle proporzioni fra l'età della Terra e quella dell'Uomo. (L'idea l'ho copiata dal buon vecchio Piero Angela che aveva fatto la stessa cosa per un anno solare)

INIZIO DELL'ANNO SCOLASTICO
1° GIORNO DI SCUOLA (4 MILIARDI DI ANNI FA)
La Terra si sta raffreddando, si forma una superficie solida punteggiata di vulcani.
1° OTTOBRE (3,8 MILIARDI DI ANNI FA)
La temperatura è poco più alta di quella attuale, si sono formati gli oceani, l'atmosfera è però completamente priva di ossigeno ed è costituita prevalentemente da anidride carbonica, vapor acqueo, azoto, acido solfidrico e idrogeno. Nei mari primordiali si formano i primi composti organici.
21 OTTOBRE (3,5 MILIARDI DI ANNI FA)
Negli oceani compaiono i primi batteri, sono cellule di tipo procariote molto primitive che utilizzavano sostanze inorganiche per il proprio metabolismo oppure disponevano di una primitiva forma di fotosintesi.
Nell'immagine al lato batteri fotografati al microscopio elettronico.
FINE DEL PRIMO QUADRIMESTRE
Come vedete siamo già arrivati a metà dell'anno scolastico e in pratica non è successo niente di particolarmente interessante, per i primi due miliardi di anni la terra è stata abitata soltanto da batteri che vivevano e si riproducevano nelle acque degli oceani... una noia mortale!

Queste strutture si chiamano stromatoliti e si formano grazie all'azione dei batteri. Strutture uguali a queste sono state trovate in rocce vecchie di più di 3 miliardi di anni
PRIMI DI FEBBRAIO (CIRCA 2 MILIARDI DI ANNI FA)
In un periodo imprecisato, tra 2 e 3 miliardi di anni fa, si diffondono negli oceani esseri unicellulari capaci di svolgere la fotosintesi, erano esseri simili alle attuali alghe azzurre. Nell'atmosfera comincia ad accumularsi ossigeno e si forma lo strato di ozono che scherma i raggi ultravioletti.

Alghe azzurre
8 MARZO - 20 MARZO (1,4-1,2 MILIARDI DI ANNI FA)
Visto che ormai si è accumulata una certa quantità di ossigeno nascono cellule che si nutrono di altre cellule e respirano ossigeno (eterotrofi).
Inoltre alcune cellule di tipo procariote iniziano a vivere in simbiosi formando una cellula più grande e complessa (meccanismo dell'endosimbiosi) dotata di nucleo e vari organuli. Compaiono i primi esseri unicellulari eucarioti.
cellula eucariote
La cellula eucariote
ameba
Ameba (esseri unicellulari eucarioti) un feroce predatore di 1 miliardo di anni fa
paramecio
Paramecio (esseri unicellulari eucarioti)
4 APRILE - 17 APRILE (1 MILIARDO - 800 MILIONI DI ANNI FA)
Prende vita e si diversifica il regno dei protisti, i mari e gli oceani si popolano di microscopiche forme di vita come radiolari e foraminiferi (plancton). Gli esseri viventi sono ancora tutti microscopici (unicellulari), le terre emerse sono completamente prive di vita.

Nell'immagine al lato scheletri di foraminiferi (il primo in alto a sinistra) e radiolari, si tratta di esseri unicellulari che ancora oggi vivono a milioni nelle acque dei mari e degli oceani.

25 APRILE (700 MILIONI DI ANNI FA)
Gruppi di cellule eucariote iniziano a vivere insieme formando organismi complessi. Nascono i primi esseri pluricellulari, i poriferi (come le spugne) e le alghe che daranno vita ai regni animale e vegetale (i funghi compariranno solo in un secondo tempo)


Regno animale, phylum dei celenterati: il corallo.

Regno animale, phylum dei poriferi: le spugne, gli animali più antichi.
Per la prima volta un essere vivente si può vedere a occhio nudo! Nessun essere vivente però possedeva occhi perfezionati come i nostri.
2 MAGGIO - 7 MAGGIO (570-505 MILIONI DI ANNI FA)
Nei mari c'è "un'esplosione" di forme di vita diverse; compaiono i primi animali dotati di un esoscheletro rigido (trilobiti), i vari esseri viventi diventano via via più grandi e complessi. Da questo momento in poi aumentano anche le informazioni che abbiamo sul passato grazie al maggior numero di fossili.

L'animale nella foto a sinistra è un limulo, probabilmente l'essere vivente attuale che più somiglia a un trilobite.


Fossili di trilobiti vecchi di 500 milioni di anni, tutti i trilobiti si sono estinti alla fine del paleozoico circa 225 milioni di anni fa.

LA FAUNA DEL PALEOZOICO Nel paleozoico compaiono moltissime forme di vita che non hanno nessun corrispondente tra gli esseri viventi attuali, sembrano apparire all'improvviso circa 570 milioni di anni fa

 

ULTIMO MESE DI SCUOLA
Sono comparsi i primi animali pluricellulari, ma ancora nessun essere vivente si è adattato a vivere fuori dall'acqua, le terre emerse sono rimaste completamente deserte per quasi 4 miliardi di anni. FINALMENTE I PRIMI ESSERI VIVENTI ESCONO DALLE ACQUE DEGLI OCEANI
12 MAGGIO (430 MILIONI DI ANNI FA)
Alcuni tipi di vegetali, molto simili ai muschi, si adattano a vivere fuori dall'acqua e iniziano a colonizzare le terre emerse, poco dopo compariranno le prime piante, simili alle attuali felci. Dopo i vegetali, basi delle catene alimentari, seguiranno varie specie di animali invertebrati come gli insetti.

Gli insetti prolificano allegramente su questo pianeta da più di 400 milioni di anni, sono sopravvissuti all'estinzione dei dinosauri e, con tutta probabilità sopravviveranno anche all'Homo sapiens...
15 MAGGIO (380 MILIONI DI ANNI FA)
I mari e gli oceani sono ora pieni di una enorme varietà di forme di vita (protozoi, spugne, meduse, vermi, gasteropodi, trilobiti, nautiloidi) compaiono anche alcuni esseri viventi dotati di una primitiva spina dorsale (i cordati), questa innovazione si rivelerà come una delle più importanti avvenute nella storia dell'evoluzione e darà vita a tutto il phylum dei vertebrati. Si sviluppano i pesci corazzati, alcuni dei pesci presenti in quei mari primitivi svilupperanno poi delle branchie capaci di respirare fuori dall'acqua.

Il Celecanto è un vero e proprio fossile vivente, è praticamente identico ai pesci primitivi che vivevano nel paleozoico

19 MAGGIO (310 MILIONI DI ANNI FA)La Terra si ricopre di grandi foreste, alcune specie di insetti, che erano già molto diffusi, sviluppano le ali e la capacità di volare, per la prima volta un essere vivente spicca il volo.

16 MAGGIO (355 MILIONI DI ANNI FA)Iniziano ad apparire le prime foreste sulla terraferma, ma non esistono ancora i fiori. Alcune specie di pesci riescono ad adattarsi alla vita sulla terraferma, compaiono gli anfibi; sono i primi vertebrati terrestri.



Gli insetti sono stati i primi animali a spiccare il volo, impareranno a volare anche i dinosauri ed infine uccelli e memmiferi. Sono stati trovati fossili di libellule del paleozoico con una apertura alare di 60 cm!
21 MAGGIO (280 MILIONI DI ANNI FA)
Nascono i rettili, sono i primi vertebrati completamente adattati alla vita sulla terraferma; non hanno bisogno di ritornare in acqua per riprodursi (come succede per gli anfibi) grazie ad una "rivoluzionaria" innovazione: l'uovo amniotico. I rettili iniziano a colonizzare anche le zone più aride e asciutte dei continenti che finora non avevano visto la presenza di alcun vertebrato.

250 milioni di anni fa tutti gli attuali continenti erano riuniti in un'unica grande terra emersa, la Pangea. Dopo 120 milioni di anni una grande spaccatura inizierà a dividere in due la Pangea e si formerà l'oceano atlantico
23 MAGGIO (253 MILIONI DI ANNI FA)
Alla fine del Permiano gli attuali continenti sono tutti riuniti in un unico "supercontinente": la Pangea. Il clima piuttosto freddo di molte parti delle terre emerse favorisce la comparsa di un particolare tipo di rettili, i Terapsidi, con caratteristiche simili a quelle che avranno in seguito i mammiferi (omeotermi).

ULTIMI 10 GIORNI DI SCUOLA
INIZIA L'ERA DEI DINOSAURI

25 MAGGIO (225 MILIONI DI ANNI FA)
29 MAGGIO (160 MILIONI DI ANNI FA)
I dinosauri dominano il mondo; sono probabilmente animali a sangue caldo, molto più forti, intelligenti e adattabili dei rettili attuali, e occupano ogni tipo di ambiente dall'equatore ai poli (questa è un'ulteriore prova che i dinosauri erano animali omeotermi). Compaiono i grandi giganti come il Triceratopo, il Brachiosauro e il Tirannosauro. Negli oceani di quel tempo erano comunissime le ammoniti, simili all'attuale nautilus.

Le ammoniti sono fossili comunissimi per tutto il mesozoico (l'era dei dinosauri), si sono quasi tutte estinte all'inizio del paleocene, l'unico animale oggi vivente simile a loro è il nautilus (foto di destra)

Il cattivissimo (almeno nel film Jurassic Park) Velociraptor

Nel giurassico non erano giganti solo i dinosauri!

Un dinosauro molto famoso, il Triceratopo
Sulla Terra fa molto caldo, ai poli le temperature sono comprese tra 10 e 15 gradi, si sono formati deserti molto estesi, ma, dove l'umidità è maggiore, è presente una vegetazione rigogliosissima. L'Italia in questo periodo è completamente sommersa dal mare tranne che per alcuni piccoli isolotti (per questo motivo da noi non si trovano fossili di dinosauro).
30 MAGGIO (145 MILIONI DI ANNI FA)
Compaiono i primi progenitori di quelli che diventeranno poi gli uccelli, sono stati trovati dei fossili di questo periodo che testimoniano l'esistenza di un rivestimenti di penne e piume anche se l'animale che le portava l'Archeopterix (in basso) è ancora più simile ad un rettile che a un uccello. Comunque esistevano già rettili volanti alcuni dei quali veramente enormi (il Quetzalcoatlus (a destra) aveva un'apertura alare di 12 metri).
L'Archeopterix è considerato l'anello di passaggio tra i dinosauri e gli ucelli, possiede uno scheletro da dinosauro e mendibole dotate di denti, ma ha il corpo rivestito da penne e gli arti anteriori trasformati in ali primitive.

ULTIMA SETTIMANA DI SCUOLA


3 GIUGNO (85 MILIONI DI ANNI FA)
Per la prima volta dall'inizio della vita sulla terra compaiono i fiori, si sviluppano infatti le Angiosperme (piante dotate di fiori). Tra piante e insetti impollinatori nasce una simbiosi che prosegue ancora oggi.

Tracce dell'enorme cratere ormai cancellato dall'erosione e dal movimento dei continenti sono state individuate grazie a misure satellitari nel Golfo del Messico, inoltre nelle rocce di 65 milioni di anni in diverse parti del mondo è stato individuato un livello di detriti contenenti irridio (comune nei meteoriti)
SERA DEL 4 GIUGNO (65 MILIONI DI ANNI FA)
L'ESTINZIONE DEI DINOSAURI

Un grosso meteorite, con un diametro di alcuni chilometri, colpisce improvvisamente la Terra in corrispondenza dell'attuale penisola della Yucatàn, nel Golfo del Messico. L'enorme quantità di roccia polverizzata e vapore acqueo che viene proiettata nell'atmosfera oscura il sole e produce immani sconvolgimenti del clima. I dinosauri, insieme a moltissime altre forme di vita, scompaiono per sempre dalla faccia della Terra.
ARRIVANO LE BESTIE PELOSE!
INIZIA L'ERA DEI MAMMIFERI

MATTINA DEL 5 GIUGNO (63 MILIONI DI ANNI FA)
I mammiferi, che durante l'era dei dinosauri erano stati relegati solo in pochi ambienti ristretti, si ritrovano tutto il pianeta a disposizione e occupano via via tutti gli habitat diversificandosi in un grandissimo numero di specie diverse. In questo periodo una enorme spaccatura divide in due la Pangea, inizia a formarsi l'Oceano Atlantico che divide le Americhe dall'Europa e dall'Africa. Ancora oggi l'Atlantico continua ad allargarsi al ritmo di pochi centimetri all'anno.

Bestioline decisamente più simpatiche di serpenti e coccodrilli.
PENULTIMO GIORNO DI SCUOLA (30 MILIONI DI ANNI FA)
I mammiferi sono ora i dominatori della Terra. Nelle praterie pascolano enormi erbivori che vengono cacciati da predatori come la Tigre dai denti a sciabola.


Questa strana bestia si chiama Chalicotherium e esisteva ancora quando i primi ominidi hanno iniziato a camminare nelle savane (o sulle spiagge) africane

Questo scheletro è davvero impressionante, appartiene ad un mammifero chiamato Megatherium, immaginatevi un orso grande come un elefante....
ULTIMO GIORNO DI SCUOLA
MATTINA PRESTO DELL'ULTIMO GIORNO DI SCUOLA (ARRIVANO I NOSTRI NONNI)
Siamo alla fine del periodo chiamato Miocene, lo stretto di Gibilterra si è momentaneamente chiuso e il Mediterraneo, rimasto isolato dall'oceano Atlantico, nel giro di poche decine di migliaia di anni si è completamente disseccato. L'acqua evaporando ha lasciato enormi depositi di sale alcuni dei quali vengono sfruttati ancora oggi dall'uomo (come a Saline, vicino a Volterra). In Africa, alcune specie di scimmie che vivevano nella savana assumono un aspetto che comincia ad essere simile al nostro; compaiono i nostri primi antenati: gli Australopiteci. Ancora non sanno costruire utensili, ma camminano già eretti su due gambe e vivono in gruppi dotati di una prima organizzazione sociale.

Australopithecus afarensis, la specie a cui apparteneva la famosa Lucy

Homo abilis
PRIMA ORA DELL'ULTIMO GIORNO DI SCUOLA (2,5 MILIONI DI ANNI FA)
Alla fine del Miocene lo stretto di Gibilterra si riapre e le acque dell'oceano Atlantico tornano a invadere il Mediterraneo. In questo periodo la Toscana è un arcipelago di isole, separate da brevi tratti di mare, con clima sub tropicale, popolate da elefanti e ippopotami. In Africa compare l'Homo abilis, è dotato di un cervello grande circa la metà del nostro, ma è in grado di costruire i primi rudimentali attrezzi di pietra. Si realizza probabilmente una prima divisione dei compiti all'interno del gruppo: i maschi, più mobili, si dedicano alla predazione di carogne e alla caccia e portano cibo alle loro compagne. Queste raccolgono prodotti vegetali spontanei e accudiscono i piccoli, la cui infanzia si sta progressivamente allungando.
METÀ MATTINATA DELL'ULTIMO GIORNO DI SCUOLA (CIRCA 1,75 MILIONI DI ANNI FA)
Scompare l'Homo abilis e appare l'Homo erectus; Il suo cervello non è ancora grande come il nostro ma è più sviluppato rispetto al suo predecessore. L'Homo erectus fabbricava utensili di pietra abbastanza perfezionati e alcuni gruppi conoscevano probabilmente l'uso del fuoco.
ULTIMA ORA DI SCUOLA
60 MINUTI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (630.000 ANNI FA) Iniziano le glaciazioni, i nostri antenati, che nel frattempo erano usciti dall'Africa e avevano colonizzato gli altri continenti, saranno costretti per sopravvivere a sviluppare la tecnologia. L'uomo inizia a vestirsi e a fabbricare utensili e strumenti per la caccia sempre più perfezionati. Le popolazioni che vivono nei climi freddi in Europa e Asia schiariscono la pelle e diventano "bianche".

Homo erectus

Homo neanderthalensis
ARRIVA
L'HOMO SAPIENS
nella foto a lato due esmplari di Homo sapiens, maschio (quello di sinistra) e femmina (quello di destra)
DA 35 A 10 MINUTI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (350.000-100.000 ANNI FA) In Europa e in Asia vivono gli uomini di Neandertal; essi rappresentano molto probabilmante una varietà arcaica di Homo sapiens, appartengono quindi alla nostra stessa specie. Hanno delle mascelle di aspetto scimmiesco, ma il volume del loro cervello è addirittura superiore al nostro.
 
4 MINUTI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (40.000 ANNI FA) Gli uomini di Neandertal sono scomparsi, la nostra specie: l'Homo sapiens sapiens prende definitivamente il sopravvento. Da questo momento in poi gli uomini, che vivono ormai in tutti i continenti, sono esattamente uguali a noi e si diversificano nelle attuali razze.


Essi seppelliscono i morti con il loro corredo, segno che dimostra l'esistenza dell'idea di una vita ultraterrena. Prendono largo sviluppo manifestazioni artistiche sotto forma di sculture, pitture, graffiti.
ULTIMO MINUTO DI SCUOLA
 
60 SECONDI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (CIRCA 10.000 ANNI FA) Termina l'ultima glaciazione, in Italia gli immensi ghiacciai che scendevano dalle Alpi si sciolgono e il "solco" che avevano scavato si riempe d'acqua; si formano in questo modo i grandi laghi del Nord Italia como il lago di Garda e il lago di Como. Alcune popolazioni, favorite anche dal clima più caldo, iniziano a praticare l'agricoltura, in questo modo non sono più costrette a spostarsi di continuo alla ricerca del cibo e nascono i primi villaggi stabili. L'uomo (e la donna) inventano anche la ceramica, la tessitura, l'allevamento del bestiame.

DA 45 A 30 SECONDI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (8.000 - 5.000 ANNI FA)Nascono le civilta megalitiche, in Inghilterra viene costruito Stonehenge, in varie altri parti d'Europa si costruiscono dolmen e menhir.
Contemporaneamente si sviluppano in altre parti del mondo le civiltà dei grandi fiumi: lungo la valle dell'Indo in India, del Fiume Giallo in Cina, del Tigri e dell'Eufrate in Medio Oriente, del Nilo in Africa. Vengono costruite grandi opere per l'irrigazione, i villaggi si trasformano in città, si sviluppano i commerci, la religione, la medicina, l'astronomia, la filosofia, la scrittura. Si organizzano i primi veri eserciti e viene praticata la schivitù.

L'uomo inizia a scrivere!
25 SECONDI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (2.500 a.C.)
In Egitto il faraone Cheope costruisce la grande piramide.
16 SECONDI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (753 a.C. ?)
Romolo (secondo la tradizione) fonda la città di Roma.
14 SECONDI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (560 a.C. ?)
Nasce in India Siddhartha Gautama, detto Budda; prende vita il buddismo, per la prima volta viene definito il concetto di peccato, che pesa sull'anima e impedisce la crescita spirituale.
12 SECONDI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (229 a.C.)
L'imperatore Shih Huang-ti inizia la costruzione della Grande Muraglia cinese.
11 SECONDI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (ANNO 0)
In Palestina, nella città di Betlemme nasce Gesu Cristo, circa 3 secondi dopo (nel 570 d.C.) nasce Maometto. In America latina si sviluppano le grandi civiltà precolombiane.
5 SECONDI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (1.097 d.C.)
I cristiani decidono di scacciare i "miscredenti" mussulmani da Gerusalemme, viene fatta la prima crociata.
3 SECONDI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (1.492 d.C.)
Cristoforo Colombo "ri"scopre l'America (lo avevano già fatto i vichinghi). Nel giro di pochi decimi di secondo le grandi civiltà dei Maya, degli Incas, degli Atzechi, vengono depredate e distrutte dagli europei.
1 SECONDO E 7 DECIMI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (1.687 d.C.)
Newton scopre come funziona la forza di gravità, insiema a Copernico, Galileo ed altri studiosi nasce la scienza moderna
1 SECONDO E 2 DECIMI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (1.789 d.C.)
Scoppia la rivoluzione francese, dall'altra parte dell'oceano Atlantico George Washington è eletto primo presidente degli Stati Uniti. Per la prima volta vengono affermati principi di libertà e uguaglianza tra gli uomini, si proclamano i "diritti fondamentali dell'Uomo" (era sottinteso comunque che per godere di tali diritti l'uomo doveva essere maschio e bianco).
DA 1,2 A 0,9 SECONDI PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (1.780 - 1.830 d.C.)
Durante questo periodo, passato alla storia con il nome di "rivoluzione industriale", l'Uomo cambia radicalmente il propio modo di vivere; costruisce macchine che si sostituiscono alla forza dei muscoli, la capacità di produrre beni materiali aumenta a dismisura. La popolazione mondiale inizia ad aumentare a ritmo vertiginoso, vengono intaccate risorse energetiche non rinnovabili come il carbone ed il petrolio.
5 DECIMI DI SECONDO PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (1.916 d.C.)
Albert Einstein pubblica la Teoria della Relatività. Scoppia la prima guerra mondiale.
3 DECIMI DI SECONDO PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (1.945 d.C.)
Gli americani sganciano su Hiroscima,la prima bomba atomica. In Italia dopo il 1945 per la prima volta le donne hanno il diritto di votare alle elezioni.
2 DECIMI DI SECONDO PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (1.960 - 1970 d.C.)
Vengono costruiti i primi computer. L'uomo raggiuge la luna. Nasce il femminismo e la "rivoluzione sociale" del '68. La guerra fredda tra le superpotenze USA e URSS porta il pianeta sull'orlo di una guerra nucleare globale.
1 DECIMO DI SECONDO PRIMA DEL SUONO DELLA CAMPANELLA (1.980 - 1990 d.C.)
Crolla il muro di Berlino. Nasce e si sviluppa internet. Inizia l'era della globalizzazione e della comunicazione planetaria.
OK Ora però, se volete davvero sapere la verità sull'evoluzione della vita sulla terra completate con i termini mancanti.
(FAI ATTENZIONE, inserisci sempre i termini scrivendo minuscolo)
L’atmosfera primitiva era completamente priva di (1). 3,8 miliardi di anni fa si formano i primo composti (2). I primi batteri compaiono 3.5 miliardi di anni fa, sono cellule di tipo (3). 1,4 miliardi di anni fa compaiono invece cellule più complesse di tipo (4). I primi animali pluricellulari compaiono 700 milioni di anni fa, si tratta dei (5), mentre i primi animali dotati di un esoscheletro sono i (6). Le terre emerse vengono colonizzate solo 430 milioni di anni fa, prima compaiono piante simili alle attuali (7), poi vari invertebrati. I primi vertebrati terrestri sono gli (8) , solo in seguito compaiono animali capaci di riprodursi fuori dall’acqua grazie alla deposizione di un uovo amniotico, si tratta dei (9) (280 milioni di anni fa). 225 milioni di anni fa inizia il mesozoico, l’era dei (10), che si estingueranno solo 65 milioni di anni fa, circa 20 milioni di anni prima compaiono le piante dotate di fiori, le (11). Dopo la scomparsa dei dinosauri i mammiferi diventano i dominatori del pianeta, 3,5 milioni di anni fa compaiono i nostri più antichi antenati, gli (12).